vai a facebook

Bookmark and Share

Home>Versione Italiana>Dicono di Noi
Marco e GioiaDICONO DI NOI

"SOPRATUTTO" (supplemento del Il Gazzettino) del 27/04/2001
Lo Schioppettino da Mario
Un ristorante che diventa osteria, nel senso più ricco del termine, una strada che si trasforma in piazza. Ecco la ricetta della mostra-degustazione dello Schioppettino, il vino autoctono che proprio qui, a Prepotto, nel Collio, ha la sua patria.
La trattoria "da Mario" (tel. 0432/713004, chiusura lunedì e martedì), con Marco e Gioia Grassi, è il centro della festa, che inizia il 27 aprile, e dura fino al 6 maggio: le specialità friulane, dal frico alla soppressa alle frittate con le erbe, accompagnano il vino di quindici aziende, con la proposta di degustazione per annata. Poi, finita la mostra, la trattoria riprende la sua attività, proponendo gli assaggi di primi, gli arrosti, le grigliate, in ricchi menù stagionali che, compresi tre cambi di vino, non superano le 60.000 lire.

 

OSTERIE D'ITALIA 2001 Slow Food Editore
Schioppettino è il simpatico nome di un vitigno autoctono del Friuli, che dà origine a un vino altrettanto accattivante prodotto soprattutto a Prepotto, paese del comprensorio delle Valli del Natisone a pochi chilometri da Spessa, Dolegna del Collio e dal confine sloveno. Grande appassionato e principale promoter dello Schioppettino è il proprietario di questa bella osteria, Marco Grassi, che ogni anno, tra la fine di aprile e l'inizio di maggio, organizza una festa in onore del vino prediletto. Il meglio della produzione enologica di Prepotto, imbottigliata e non, riposa nella cantina del locale, che offre una buona scelta anche di altri vini friulani, a complemento di una proposta gastronomica interessante e curata. In un ambiente che predispone alla rilassatezza già dall'esterno, con il glicine lungo la facciata della vecchia casa, Marco propone con garbo i piatti, genuini e freschi, preparati dalla moglie Gioia. Fra i primi troverete sempre gli gnocchi di patate conditi con una crema alla rucola o ripieni di funghi o di radicchio, gli gnocchi di pane e la pasta fatta in casa con sughi di verdure; d'inverno avrete gli zlikrofi, tortelloni ripieni di patate, salsicce e verdure. Il locale vi offre l'opportunità di assaggiare un tris sia di primi che di secondi. Tra questi ultimi i piatti forti sono la grigliata di filettini misti, presente tutto l'anno, d'inverno la faraona disossata e ripiena, lo stinco affumicato al forno, il bollito misto e il cosciotto di maiale al forno con il cren e, d'estate, il roastbeef con i pomodorini al basilico, l'arista di maiale con salsa tonnata e la tagliata di manzo con anice, rucola e grana. In stagione, funghi cucinati in vari modi. I dolci sono tutti da assaggiare: torta di ricotta, torta di mele e strudel di mele.

 

Bepi Pucciarelli
MARIO PASSA IL TESTIMONE MA LA MUSICA NON CAMBIA
Quando scrivemmo, per la prima volta, della Trattoria da Mario di Prepotto (era il 1988, e questa rubrica era nata da poche settimane) il protagonista era senz'altro lui, Mario Grassi, oste all'antica e personaggio un po' folcloristico. Ed era lui a mescere i vini, rigorosamente sfusi, accompagnando a volte i commensali nella degustazione, disponibile ad accettare giudizi positivi, pronto ad inalberarsi se qualche cliente si permetteva di avere, in materia di vini e vivande, opinioni personali. Un caratterino da primadonna, che non lasciava spazio ad altri sul palcoscenico; neppure alla moglie, che pure in cucina era l'artefice di piatti memorabili. Ma gli anni passano per tutti; e anche Mario qualche tempo fa ha abdicato, lasciando le redini dell'ambiente nelle mani del figlio Marco, che senza stravolgere nulla ha rinnovato e trasformato la vecchia sala da pranzo, che ora si presenta linda e accogliente. Anche in cucina c'è stato il cambio della guardia; ai fornelli c'è Gioia, moglie di Marco e madre di tre maschi… che dovrebbero garantire, nel tempo, il prossimo ricambio generazionale. Per testare il "nuovo corso", abbiamo assaggiato tre primi: gnocchetti alle erbe, ravioli al sugo di asparagi e gnocchi ripieni di rucola. Come secondo, misto di arrosti e carni alla griglia: noi abbiamo optato per queste ultime, tenerissime, saporite e accompagnate da verdure di stagione. Ottimi i dolci fatti in casa (strudel di mele e torta di ricotta) accompagnati da un Verduzzo all'altezza della situazione. A proposito di vini: Marco ha fatto tesoro dei lavori di selezione di produttori locali effettuato da papà Mario in tanti anni di attività. Vale la pena quindi affidarsi a lui, per una panoramica di assaggi tra i quali non mancherà lo Schioppettino, vino-simbolo di Prepotto al quale Marco ha intitolato l'enoteca ed una festa.



 
Powered by Start2000